Progetto Educativo e Carta dei Servizi

Progetto Educativo – Carta dei Servizi – Scarica la Brochure in PDF

equipe educativa 6-10-14

                        Equipe Educativa

PREMESSA

Giuridicamente l’Ente si configura come “ASSOCIAZIONE DI VOLONTARIATO” ai sensi della Legge 266/91 e “ONLUS DI DIRITTO” ai sensi del Decreto Legislativo del 4 Dicembre 1997 n. 460, art. 10, comma 8, ma dispone anche di personale regolarmente assunto. Costituita nel 1990, attiva nelle accoglienze dal 1993, fu la prima in Piemonte ad essere iscritta nel 1992 al Registro Regionale del Volontariato nel settore Socio Assistenziale (D.P.G.R. 3545/1992); è anche iscritta dal 2002 al Registro Provinciale del Volontariato della Provincia di Vercelli (VC 2 AS).
L’Associazione è nata per rispondere a un’esigenza rilevata sul territorio riguardo a donne in gravidanza che non trovano nella loro famiglia e nelle reti sociali un appoggio ed un sostegno per vivere serenamente la loro maternità.

1. STORIA

Inizialmente, dal 1993 alla fine del 2003, l’attività di accoglienza è stata realizzata in una casa rurale ristrutturata con una capienza massima di 8 persone tra mamme e bambini. A causa delle crescenti richieste di accoglienza di mamme e donne in difficoltà è stata avviata nel 2000 la costruzione di una nuova struttura, di proprietà dell’Associazione, aperta nel dicembre del 2003 e autorizzata al funzionamento in regime di “Comunità di risocializzazione/reinserimento.”
Attualmente l’Ente è autorizzato al funzionamento per: nr. 1 nucleo “Comunità Genitore Bambino” per nr. 14 utenti situato nella Casa principale; per nr. 1 nucleo “Gruppo Appartamento per Gestanti e Mamme con Bambino” per nr. 6 utenti situato in Casa Pietro; per nr. 1 nucleo “Gruppo Appartamento per Gestanti e Mamme con Bambino” per nr. 4 utenti situato in Casa Madre Teresa; come “Accoglienza Comunitaria” per nr. 12 utenti (di cui nr. 2 per pronto intervento) situato nella Casa principale. Svolge la funzione di “Pensionato Integrato” per nr. 2 ospiti minorenni prossimi alla maggiore età.

1.1 Caratteristiche delle Case

La struttura principale è disposta su quattro piani con 11 camere da letto per le ospiti, 3 per gli operatori e 12 bagni di cui 4, uno per piano, a norma per diversabili.

Al piano interrato si trovano: ambulatorio, lavanderia, stireria, magazzini e asilo interno.

Al piano terra: ufficio, cucina, ampio salone polifunzionale con zona mensa e un’area riservata a salotto, spaziosa terrazza coperta.

Il piano primo è suddiviso in due parti: 4 camere e bagni per le ospiti ed un appartamento completo per il personale di servizio.

Il secondo piano è interamente occupato da camere e bagni per le ospiti ed i loro bambini.

La Casa è dotata inoltre di ascensore da barella, cabina telefonica, comodo parcheggio e parco con pineta e area giochi attrezzata.

Costruita secondo moderne concezioni e nel rispetto delle norme vigenti, la Casa è priva di barriere architettoniche ed è stata progettata con particolare attenzione alle esigenze di mamme e bambini.

Dal 2010, a circa 50 metri dalla Casa principale, è disponibile Casa Pietro autorizzata al funzionamento come “Gruppo appartamento per gestanti e mamme con bambino” per n. 6 ospiti. Dal 2014, a circa 10 metri dalla Casa principale, ecco Casa Madre Teresa autorizzata al funzionamento come “Gruppo appartamento per gestanti e mamme con bambino” per n. 4 ospiti. Queste strutture permettono un’abitazione autonoma per donne che giungono da percorsi comunitari e che hanno superato la fase di emergenza, di accoglienza contenitiva e necessitano di avviarsi a una vita più autosufficiente.

2. LA PROGETTAZIONE INTEGRATA

L’Ente intesse una stretta ed articolata collaborazione con gli Enti invianti; la progettazione congiunta si caratterizza per l’unità di intervento sul contesto del nucleo mamma–bambino. I Servizi territoriali e l’Ente sono perciò impegnati, ognuno con le proprie competenze, all’attivazione di un circuito virtuoso di rapporti tesi a favorire il dipanarsi della soluzione migliore per il nucleo accolto. Ai minori, i cui bisogni afferiscono a competenze socio-sanitarie, è garantita la progettazione integrata, intendendo tale terminologia, in questo caso, come la risultante del lavoro positivo dei due comparti dell’intervento alla persona (socio-assistenziale e sanitario).

3. PROGETTO DEL SERVIZIO

3.1 Obiettivi dell’attività

• La tutela sociale della maternità attraverso l’attività di accoglienza residenziale di donne in difficoltà, maggiorenni o prossime alla maggiore età, con o senza bambini, con particolare attenzione per le donne in gravidanza, anche minorenni, senza alcuna distinzione di razza, nazionalità e religione, nel rispetto delle convinzioni etiche, morali, religiose delle stesse.

• La protezione della madre e del minore in caso di maltrattamenti, trascuratezza, deprivazione socio-culturale (povertà relativa) e assenza di risorse (povertà estrema).

• Residenzialità in pronto intervento in caso di grave urgenza.

• La verifica e il supporto delle capacità genitoriali con invio di relazioni a scadenza concordata con gli Enti invianti.

• L’acquisizione di autonomia personale della donna e della coppia madre-bambino attraverso l’acquisizione della consapevolezza del ruolo materno e l’educazione sul piano morale e psico-affettivo. Questo presuppone che la donna in situazione di disagio sia subito considerata come soggetto competente e non come semplice inviato. Favorire lo sviluppo di capacità critica per una corretta ri-socializzazione in vista di una progettazione futura e del definitivo reinserimento sociale.

3.2 Fonti valoriali e riferimenti educativi
A livello pedagogico ci si rifà all’idea di un’educazione intesa come umanizzazione sulla base dell’indirizzo personalista. Nella Struttura, orientata alla condivisione della vita quotidiana, si segue un modello di tipo familiare sottolineando, in questo modo, la matrice strutturale dell’agire educativo nel duplice significato di e-ducere ovvero tirare fuori dal soggetto le proprie potenzialità (che fa riferimento ad un codice paterno) ed il suo educare ovvero allevare, accudire (che fa riferimento ad un codice materno) nell’ottica generale che comunque non è il singolo operatore ma l’ambiente che fa terapia.

3.3 Processi di ammissione e di dimissione

Si accede all’ospitalità su richiesta scritta che può essere inoltrata da Servizi Sociali, Consorzi e Associazioni impegnate nel settore materno-infantile; essa deve contenere una relazione sulla situazione della persona o nucleo e sulle motivazioni che sono alla base dell’invio. Il Consiglio Esecutivo dell’Ente valuta con tempestività le domande pervenute e comunica l’eventuale disponibilità all’accoglienza, subordinata all’accettazione delle norme interne da parte dell’ospite e di un progetto concordato con l’Ente inviante. Le dimissioni possono avvenire nelle seguenti modalità:

• Concordate: con ospiti ed Ente inviante.

• Concordate: nel caso in cui si verifichi una situazione non gestibile sia per forti regressioni del soggetto sia in caso di valutazione di non idoneità al progetto. In tal caso i responsabili della struttura gestiscono la dimissione.

• Non concordate (abbandono); nel caso di abbandono del progetto e decisione di lasciare i figli (sia volontariamente che per decreto del Tribunale dei minori). L’Ente garantisce un supporto per il periodo di tempo necessario (di alcuni giorni) per trovare la collocazione più idonea al minore.

• L’espulsione dalla Struttura avviene solo in casi molto gravi e dopo aver avvisato l’Ente inviante.

3.4 Processi di verifica e valutazione dell’attività
I processi di verifica e valutazione dell’attività si attuano su tutte le fasi del progetto concordato con l’Ente inviante e prevedono una riunione settimanale di confronto con tutti gli operatori sulla gestione globale degli ospiti, più riunioni settimanali di supervisione della Coordinatrice con le educatricie i volontari, riunioni e valutazioni del progetto con l’Ente inviante e l’ospite secondo i tempi concordati e infine la valutazione dell’educatore di riferimento con il singolo ospite circa il raggiungimento degli obiettivi individuati nel progetto.

4. PROGETTO EDUCATIVO PERSONALIZZATO

La comunità costruita sul modello familiare è il contesto privilegiato per far affiorare la dimensione della quotidianità, aspetto fondamentale per un servizio di aiuto alla persona. Nell’Ente si parte proprio dalla quotidianità, come metodologia e strumento imprescindibile per ogni agire educativo. L’esperienza educativa del “qui ed ora” della quotidianità è valorizzata attraverso:

• La convivenza e condivisione.

• La collaborazione e il fare empatico.

• Abitudini e norme: trasmettere le norme rispettandole in prima persona.

• Accudimento dei bambini.

• Attività pratiche come laboratori linguistici, artistici, di puericultura, cucito, cucina, ecc…

• Ove opportuno, lo stimolo alla persona a mantenere i rapporti con l’ambiente di provenienza e a cercare di utilizzare al meglio le risorse sociali e le reti relazionali in vista della dimissione e ri-socializzazione.

• L’offerta di colloqui individuali con il personale specializzato per la rielaborazione del vissuto.

• In caso di visite vigilate (per es. con il nucleo di origine), l’offerta di un supporto per le relazioni e per superare eventuali conflitti che insorgono durante questi incontri “protetti.”

• La possibilità della custodia dei bimbi consente, quando opportuno, lo svolgimento di attività lavorative esterne. Inoltre la realtà locale è ritenuta uno strumento valido in una logica di interscambio con il territorio. Per ospiti agli arresti domiciliari il progetto educativo avrà caratteristiche peculiari da concordarsi.

4.1 Tipologia di utenza e bisogni

Le accoglienze, in questo Ente, vanno distinte essenzialmente in due tipologie:

• Accoglienza di nuclei allontanati a causa di violenze o per ragioni collegate a problematiche socio-ambientali.

• Accoglienza di nuclei per ragioni di protezione del minore e di sostegno alla madre (di tipo pedagogico e psicologico) oltre che di aiuto e valutazione della relazione madre-figlio.

La struttura risponde quindi, in relazione alla specifica tipologia e ai bisogni dell’utenza, alle seguenti aree di bisogno:

• Assistenza. È il caso di una madre che non è in grado, da sola, di provvedere alla cura della propria prole.

• Supporto educativo. Si garantisce un aiuto e un sostegno allo sviluppo affettivo, cognitivo, emotivo e relazionale.

• Tutela. Non ci si limita, infatti, ad una protezione di tipo esclusivamente assistenziale, ma ci si pone in una visione progettuale, che incorpora il passato, agisce sulla realtà educativa presente nell’ottica di una prospettiva futura.

• Servizio di psicodiagnosi. Su richiesta dell’Ente inviante è disponibile un professionista iscritto all’ordine degli psicologi per colloqui e somministrazione di test psicodiagnostici.

• Servizio di diagnosi pedagogica. Su richiesta dell’Ente inviante è disponibile un professionista iscritto all’ordine dei pedagogisti per colloqui con valutazione del bambino circa le funzioni motorie, percettive, attentive, intellettive, linguistiche, sociali, operative.

5. ORGANIGRAMMA DELL’ENTE

L’attività dell’Ente viene svolta da personale regolarmente assunto, ovvero dalla Coordinatrice, da cinque Educatrici professionali, una Cuoca diplomata, una  Ausiliaria e da personale volontario con le seguenti competenze professionali: assistenza sociale, educazione professionale, psicologia, pedagogia, medicina, insegnamento nelle scuole dell’obbligo e superiori. È garantita la presenza contemporanea di quattro o più operatori nelle ore diurne e di uno o più operatori nelle ore notturne. La Coordinatrice, svolgendo mansioni relative alla programmazione ed al coordinamento delle varie attività in collaborazione con tutti gli operatori coinvolti nei progetti individuali delle ospiti e minori accolti, rappresenta un punto di riferimento per tutti gli altri operatori.

Per quanto riguarda la gestione dell’Associazione gli organi, come da statuto, sono:

l’Assemblea; il Consiglio Esecutivo; il Presidente; il Vice Presidente; il Segretario; il Tesoriere; il Revisore dei Conti.

6. PROGETTO QUADRO

Il progetto viene realizzato in accordo con gli Enti invianti. L’Ente elabora un “progetto quadro” che illustra la complessità delle azioni che si intendono svolgere a favore degli ospiti inseriti. Tale progettazione andrà sviluppata, ove possibile, in sinergia con l’Ente inviante e dovrà prevedere momenti di verifica e ri-progettazione comune del percorso in divenire. La definizione di un percorso educativo e/o assistenziale personalizzato viene definito dalle parti interessate (utenti,Enti invianti e Struttura) per permettere un accordo il più possibile condiviso, che preveda l’esplicitazione di una domanda, una negoziazione ed un accordo finale incentrato su obiettivi anche a lunga scadenza.

7. MODALITA’ DI RAPPORTO CON IL TERRITORIO

L’Ente lavora in rete e collabora con i seguenti Servizi territoriali di riferimento e di supporto:

• Servizi Sociali.

• Consorzi dei servizi socio-assistenziali ed enti locali.

• Associazioni di volontariato a sostegno della maternità.

Inoltre collabora con:

• Tribunale per i minorenni.

• CTU (consulenza tecnica d’ufficio).

• A.S.L.

• Associazioni di volontariato del territorio.

• Enti religiosi.

• Scuole ed asili.

8. PROCESSI DI FORMAZIONE CONTINUA E DI SELEZIONE DEL PERSONALE

Il processo di formazione permanente si espleta attraverso riunioni settimanali dove si trattano temi ad indirizzo pedagogico, medico-sanitario, culturale. In tali riunioni si effettuano verifiche sull’attività sia del singolo che dell’intera comunità educante presente nella struttura. Si tengono periodicamente seminari sui temi sopra esposti tenuti da specialisti invitati dai responsabili. Il personale viene scelto tramite colloqui, un periodo di tirocinio affiancato dal personale operante, verifiche. L’Ente è sede di tirocinio per le facoltà di Scienze dell’Educazione. La presenza dei tirocinanti è concordata e seguita dalla Coordinatrice.

9. DOCUMENTAZIONE AMMINISTRATIVA DELL’ENTE RELATIVA ALLE UTORIZZAZIONI AL FUNZIONAMENTO

La Struttura è autorizzata al funzionamento:

con Delibera del Commissario nr. 410/c del 17 Novembre 2006 rilasciata dalla ASL 11 per nr. 1 nucleo “Comunità Mamma Bambino (ora Comunità Genitore Bambino”) con una capacità di accoglienza di 14 ospiti.

Con Delibera del Direttore Generale della ASL “VC” nr. 00204 del 28 Marzo 2011 per nr. 1 nucleo “Gruppo Appartamento per Gestanti e Mamme con Bambino” con una capacità di accoglienza di 6 ospiti relativa a Casa Pietro.

Il 13 Novembre 2013 è stata presentata al Comune di Borgosesia la Segnalazione Certificata di Inizio Attività (SCIA) per la tipologia “Accoglienza Comunitaria per nr. 12 utenti.

Il 6 Ottobre 2014 è stata presentata al Comune di Borgosesia la Segnalazione Certificata di Inizio Attività (SCIA) per la tipologia Gruppo Appartamento per Gestanti e Mamme con Bambino” per nr. 4 utenti relativo a Casa Madre Teresa.

Svolge inoltre la funzione di “Pensionato Integrato” con una capacità di accoglienza di 2 ospiti minorenni prossimi alla maggiore età.

10. RETTA

La retta comprende: vitto e alloggio; prodotti per l’igiene personale; abbigliamento con rinnovo stagionale; visite, cure mediche e farmaci dispensati dal Servizio Sanitario Nazionale; tasse scolastiche, materiale scolastico, buoni pasto, accompagnamenti in auto o mezzi pubblici. Assicurazione idonea a coprire la responsabilità civile ed eventuali infortuni sia all’interno che all’esterno delle strutture. “Pocket money” settimanale per le esigenze personali delle ospiti che non svolgono attività lavorativa, utile anche per la verifica della capacità di gestione delle risorse economiche. Incontri vigilati in luogo neutro con i parenti dei minori presso locali esterni di proprietà della Struttura (1 ora a settimana). La retta non comprende i servizi di psicodiagnosi e diagnosi pedagogica i cui costi vanno concordati con i professionisti convenzionati con l’Ente. Le mamme accolte prima del termine del 3° mese di gravidanza (fa fede il certificato medico) saranno ospitate gratuitamente fino al parto.

 *******************************

Per i nuovi inserimenti nell’anno 2017 la retta è di Euro 65,00 al giorno pro capite, con la riduzione del 50% a partire dal terzo ospite del nucleo come da tabella:

1 persona tot.   65,00 Euro al giorno.

2 persone tot. 130,00 Euro al giorno.

3 persone tot. 162,50 Euro al giorno.

4 persone tot. 195,00 Euro al giorno.

5 persone tot. 227,50 Euro al giorno.

11. PROGETTI FUTURI

Nel corso degli anni 2017-18 sarà costruito un nuovo stabile su tre piani situato tra la “Casa Principale” e “Casa Pietro” e utilizzato come area custodia bambini, magazzino e garage.

Questo sito e/o gli strumenti terzi utilizzati si avvalgono di cookie necessari al suo funzionamento, utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy. In questo sito non vengono utilizzati cookies di profilazione. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie Maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi

casa di accoglienza; casa famiglia, comunità, casa, accoglienza, casa accoglienza borgosesia, casa accoglienza, case, mamma, mamme, mamma in attesa, bambino, minori, ragazze madri, famiglia, borgosesia, san giuda, casa d'accoglienza, cmb, c.m.b., case di accoglienza, gravidanza, gestanti, san giuda taddeo, bambini, centro, piemonte, vercelli, italia, italy, centro di accoglienza, comunità mamma bambino, comunità genitore bambino, C.G.B., parto, partorire, community, houses, house, home, hospitality, pregnancy, expectant women, expectant woman, child, children, saint jude, house, houses of hospitality, pregnant women, pregnant woman, pregnant, delivery, childbirth, aborto, abortion, donne vittime di violenza